mercoledì 21 maggio 2014

Trucco minerale: pennelli e applicazione


clip_image002
Negli ultimi anni abbiamo assistito ad un vero e proprio boom dei cosmetici minerali. Oggi ho il piacere di parlarne insieme a Maria Carmela di http://www.ilmiomakeup.it/, che ospito molto volentieri sul mio blog.

Per chi ancora non avesse chiaro di cosa si tratti, il make-up minerale si chiama così, proprio perché i suoi ingredienti sono tutti di origine minerale, ad esempio il talco, la mica, gli ossidi, la silica, il caolino e così via. Questi minerali possono essere colorati o meno e vengono ridotti in polveri finissime andando a formare fondotinta, ciprie, blush e ombretti.

Questi cosmetici si presentano quindi sotto forma di polveri (sia in polvere libera, sia in polvere compatta es. Couleur Caramel) e non tutti i pennelli vanno bene per l’applicazione! Ad esempio un pennello per il fondotinta a lingua di gatto non è assolutamente indicato per il make-up minerale…

Vediamo quindi di fare un po’ di chiarezza su quali sono i pennelli più indicati per l’applicazione del trucco minerale!

Fondotinta minerale
In principio fu il kabuki, versione glamour e rivisitata del pennellone da barba maschile! Sembra strano dover applicare un fondotinta con questo pennello, eppure il risultato è davvero ottimo, poiché le setole raccolgono le polveri e le distribuiscono sul viso in modo uniforme. Il kabuki classico ha una forma tondeggiante, ma ultimamente vanno molto di moda i flat kabuki con setole più dense, ma sempre morbide. La differenza sta nella coprenza: mentre con il kabuki classico l’effetto è molto naturale, con quello piatto si ottiene un effetto più coprente. In entrambi i casi è fondamentale applicare il prodotto con un movimento rotatorio.
clip_image004 clip_image006 clip_image008

Cipria minerale
Per applicare le ciprie minerali, invece, basta seguire le classiche raccomandazioni valide per tutte le ciprie in polvere. Si può procedere con un pennello grande dalle setole larghe e morbide, oppure, meglio ancora secondo il mio punto di vista, con una spugnetta in tessuto tamponata delicatamente sul viso in modo da fissare il fondotinta senza rovinarne la stesura.

clip_image010

Blush, terra e ombretto minerale
Anche in questi casi non ci sono pennelli particolari da utilizzare. Più che sulla forma un piccolo consiglio io lo darei sul materiale dei pennelli, sia per blush, terra e ombretto, ma anche per cipria e fondotinta: personalmente evito i pennelli in setole naturali perché accumulano con più facilità germi e batteri, aumentando le imperfezioni sulla pelle. I pennelli in fibra sintetica hanno la stessa qualità ma sono molto più semplici da pulire! Io mi trovo divinamente con i pennelli Neve Cosmetics, Benecos e la linea vegan di Zoeva!
clip_image011

Applicazione
Bene, una volta capito quali pennelli usare, vediamo ora come applicare il prodotto.

  • A secco
    Un classico è il metodo “Tap-Swirl-Buff”, ovvero prelevare la polvere dalla jar con il pennello togliendo l’eccesso, girare il pennello nel tappo della jar fino alla completa immissione delle polveri tra le setole, spolverare sul viso con movimenti circolari. Ripetere se necessario.

clip_image012

  • Liquida
    Per un effetto più coprente per il fondo, o metallico per gli ombretti, si possono bagnare le polveri. Si può usare della semplice acqua, oppure acqua termale, fix plus… L’ombretto si può usare persino come eyeliner!

clip_image014

  • Cremosa
    Per ottenere un fondotinta liquido, è possibile prendere la propria crema viso (magari con inci verde) e unirla alle polveri. Si può modulare la coprenza, a seconda del quantitativo di polveri si aggiunge.

clip_image015

  • Mix
    Come i pigmenti artificiali, le polveri minerali si possono miscelare tra loro, ottenendo un colore personalizzato! In questo modo avremo infinite possibilità di colore per creare ombretti, fondi, fard, eyeliner, smalti, gloss...

clip_image016

Queste polveri sono davvero versatili, oltre che minerali e quindi naturali (nessun derivato di petrolio, siliconi, nickel, o sostanze inquinanti).

Share This!



3 commenti:

  1. Mi sono gustata questo post: perché lo trovo spiegato molto bene (ad esempio nn sapevo che il metodo per le polveri avesse quel nome!)

    Anche io seguo maria carmela ed il suo blog mi piace tanto!

    Intanto seguo il tuo, perché ritornerò ;)

    ciao!

    Lo
    stile di Artemide

    RispondiElimina
  2. ciao! Sì in realtà è molto facile l'applicazione, forse le polveri libere sono un po' scomode, infatti io preferisco le compatte :D

    RispondiElimina
  3. Grazie, mi fa tanto piacere! I primi approcci con il minerale li ho avuti guardando le guru americane, per cui mi è rimasto impresso! Per chi ha la pelle grassa come la mia, il fondo minerale è una svolta! Anche io ti seguo volentieri, un bacio!

    RispondiElimina

Creative Commons License

Powered By Blogger · Designed By Seo Blogger Templates